Novembre 2018 – Dal libro del Siracide (27)

Il male si riverserà su chi lo fa,
egli non saprà neppure da dove gli venga (Sir. 27, 27)

 

La presenza del male accompagna la vita di ogni uomo.

Spesso, nella tradizione biblica, si parla persino dell’invidia che il giusto prova verso il malfattore: in apparenza chi opera male pare meglio assicurato sia dalla propria forza come dall’andazzo dei tempi.

Il saggio Siracide ha maturato un’altra visione. In un modo o in un altro chi fa male si ritroverà in un contesto che da congeniale si trasformerà in trappola. Del resto un nostro proverbio ha sempre ed in ogni caso asserito: “Chi la fa, l’aspetti”.

Di costui il Siracide –  parlerà senz’altro di esperienza vista coi propri occhi – assicura che “non saprà neppure da dove gli venga” tutto quanto gli piomberà poi sulla testa.

Don Roberto